Jazz Sotto alla Torre del Filarete – Estate Sforzesca 2019

Il metodo migliore per scacciare la malinconia da fine delle ferie è uscire di casa e godersi le ultime serate d’estate all’aperto, magari con l’accompagnamento di buona musica. Fortunatamente Milano offre moltissime opportunità di questo genere, non da ultima la manifestazione del Castello Sforzesco, che allieta le calde serate dei milanesi che non vanno in vacanza e dei sempre più cospicui turisti che decidono di visitare Madunina Land.

Questo è il secondo anno che partecipo a Estate Sforzesca: qui trovate il post dell’anno scorso.
Il Castello Sforzesco in notturna. Una cosuccia! XD

Estate Sforzesca – quest’anno, e mi fa molto piacere dirlo, completamente plastic free – ha luogo nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco di Milano e da giugno ad agosto offre al pubblico più di ottanta spettacoli di teatro, musica e danza portati in scena da famose fondazioni e da compagnie teatrali. Quello di ieri sera era patrocinato dall’Orchestra Sinfonica La Verdi di Milano, che ringrazio per avermi gentilmente offerto gli accrediti per assistere a due ore di buona musica con una big band d’eccezione.

Big Band al Castello! propone un viaggio straordinario nell’età dell’oro del jazz, con brani famosi in arrangiamenti originali eseguiti dalla Tomelleri Big Jazz Band, un gruppo di diciannove elementi guidati dal famoso polistrumentista Paolo Tomelleri, che, classe ’38, delizia il pubblico sia in qualità di clarinettista, che di presentatore dei vari brani.

Big Band al Castello! è l’ultimo appuntamento della stagione estiva di La Verdi
Una Big Band è un’orchestra tipicamente jazz con un numero di musicisti tale che ci sia più di un esecutore per strumento musicale. Si è affermata in USA negli anni Venti, nella gloriosa Era dello Swing.

Con scioltezza e ironia, l’orchestra scivola attraverso i brani celebri delle più note orchestre jazz di tutti i tempi, da Glenn Miller a Benny Goodman, da Count Basie a Duke Ellington, mantenendo la tipica atmosfera live che unisce il brano classico e le improvvisazioni jazzistiche in cui i singoli elementi danno il meglio di sé.
Proprio le improvvisazioni, quei voli pindarici che i solisti eseguono in una specie di accordo telepatico e magico – in realtà originato da ore e ore di lavoro insieme – con il resto dell’orchestra, sono il tratto caratteristico del jazz e ne rappresentano il fascino più grande, e i membri della Big Band di Paolo Tomelleri ce ne regalano di piacevolissime.

Paolo Tomelleri e Celeste Castelnuovo, la voce della serata.

Tra una Moonlight Serenade e un Sing Sing Sing, non è difficile entrare In The Mood e battere il tempo di una musica che risveglia il più cupo degli animi!

Che rapporto avete con il jazz? Avete mai ascoltato qualche brano?
Fatemelo sapere nei commenti!

2 pensieri riguardo “Jazz Sotto alla Torre del Filarete – Estate Sforzesca 2019

  1. Ho avutoil mio ‘periodo Jazz’, in cui, soprattutto per ‘farmi una cultura’ seguii una di quelle collane che periodicamente escono in edicola; in seguito ho proseguito qua e là, soprattutto jazz elettrico (Weather Report, Perigeo, il Miles Davis degli anni ’70); mi piacciono le contaminazioni e le cose ‘strane’, quindi apprezzo molto il ‘caos organizzato’ del free – jazz, meno lo swing e quello più classico, che però, concordo, sono adattissimi a concerti in piazza per far battere i piedi e le mani alle persone. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...