Tag

9ebdf3e6974f72539311e0ee81694af8

Questo post giunge in ritardo, lo so!
Se mi seguite su qualche altro social, vi siete accorti che negli ultimi trenta giorni ho avuto ben poco tempo per leggere o fare qualsiasi altra cosa mi piaccia fare nel tempo libero. Alcuni impegni settembrini sono stati più che piacevoli, altri una mera seccatura, ma tutti mi hanno purtroppo impedito di leggere quanto avrei voluto. La lista dei libri letti a settembre sarà dunque piuttosto breve, ma ce la metterò tutta per renderla interessante. 😉

Ventuno Vicende Vagamente Vergognose, W. Lazzarin. Questa raccolta di tautogrammi (non sapete cosa sono? Ve ne ho già parlato qui) è una lettura divertente e veloce, che quindi vi consiglio anche se non è il vostro genere. Io stessa mi ci sono approcciata sapendo a malapena che cosa fosse un tautogramma e non lo rimpiango! Se volete acquistare il libro, cliccate su questo link.

Ad ogni battito del tuo cuore, R. Chillé. Roberta è un’autrice emergente, che con fatica e impegno è riuscita a completare e autopubblicare due libri. Il primo è quello che ho letto durante il mese appena trascorso, ma confesso di averlo apprezzato poco; il romanzo rosa non è il mio genere letterario preferito, ma a parte questo trovo che il testo abbia bisogno di una revisione. Si tende ad apprezzare meno la narrazione, quando sono presenti un po’ di refusi e qualche errore di grammatica.

Perché le storie ci aiutano a Vivere, M. Cometa. Questo saggio mi è stato gentilmente spedito da Raffaello Cortina Editore ed è stata una lettura molto interessante, anche se più difficile di quello che mi aspettavo. Dalla prefazione non ci si rende conto che il corpo del saggio è molto tecnico e ricco di citazioni e riferimenti che ne inficiano la fluidità della scritto. Intendiamoci, è un libro veramente interessante, ma, se volete, non dovete leggerlo con la testa rivolta alla cena. 🙂 Potete acquistare il saggio di Michele Cometa qui.

Storie fantastiche di gente comune, S. Valente. A breve in arrivo su Amazon, per il momento potete acquistare qui il libro di questo autore emergente (ben due autori emergenti questo mese: che bello!). Stefano scrive bene e ha messo insieme una raccolta di tre racconti brevi incentrati su personaggi comunissimi: gente che potrebbe passarci di fianco per strada o che è seduta con noi in autobus. Le storie si leggono bene e non sono eccessivamente lunghe, ma non ho capito perché Stefano abbia scelto di utilizzare così tanto il grassetto e il corsivo all’interno del suo testo. Trovo che quest’alternanza di stili distolga un po’ la concentrazione dai suoi racconti, che invece meriterebbero di essere letti.

 

…Ve l’ho detto che ho letto poco durante l’ultimo mese, no? La mia lista si conclude qui, ma spero di poterne stilare una più lunga per il mese di ottobre!
Voi che libri avete letto? Vi sono piaciuti?
Fatemelo sapere con un commento!