Un Vangelo Diverso -Quote Challenge

Penultima citazione!
É incredibile quanto poco ci sia voluto per trovarle e mostrarvele tutte (voi potete naturalmente essere di avviso ben diverso, eh!)!

the-gospel-of-loki-joanne-harris-gollancz-headerAd ogni modo, per la seconda citazione libresca ci rivolgiamo a Joanne Harris, scrittrice che, come sapete, a me piace molto. Amo, oltre che il suo stile narrativo, la sua capacità di rendere personaggi anticonvenzionali senza trasformarli in stupide macchiette, e la sua fantasia.
La citazione che vi riporto qui sotto è tratta da un libro che io ho sentito molto mio, The Gospel of Loki, che in italiano fa inspiegabilmente Il Canto del Ribelle, che ho letto nei primi mesi del 2014, prima dell’arrivo della traduzione italiana, che mi dicono presentare qualche pecca nella resa del linguaggio. Se così fosse, sarebbe veramente un peccato, perché il Loki uscito dalla penna della Harris è un meraviglioso antieroe, un paladino dell’ironia e del sarcasmo, un’illusionista di parole per sé e per gli altri… Insomma, siamo davanti alla migliore rappresentazione di sempre del Dio norreno degli Inganni.

Ci sono momenti, nella narrazione, in cui Loki decide di non turlupinare se stesso o il prossimo, momenti in cui, sebbene non perda quasi mai il suo tono fintamente leggero, il Dio è dolorosamente e puramente – per quanto si possa utilizzare un termine del genere con lui – sincero. La citazione di oggi appartiene a uno di questi momenti e ve la lascio senza ulteriori riflessioni, accompagnata da una mia traduzione personale. Attendo vostri commenti e opinioni. 🙂

Clever folk aren’t popular, by and large. They arouse suspicion. They don’t fit in. They can be useful, as I proved on a number of occasions, but among general population there’s always a sense of vague mistrust, as if the very qualities that make them indispensable also make them dangerous.

In genere, le persone intelligenti non sono popolari; tendono a destare sospetti, non si mescolano agli altri. Possono essere utili, e io ne ho dato prova in qualche occasione, ma le persone normali nutriranno sempre un vago senso di sfiducia verso di loro, come se le stesse qualità per le quali sono indispensabili li rendano anche pericolosi.

6 pensieri riguardo “Un Vangelo Diverso -Quote Challenge

  1. Che bello, anche tu leggi la Harris! ♥ Ho adorato questo libro, così come gli altri due della “saga” e lo spezzone che hai scelto è molto arguto. Non capisco perché a molti questo libro non sia piaciuto, forse lo hanno acquistato pensando di trovare l’antieroe della Marvel oppure non conoscevano gli altri volumi delle “rune” e quindi si sono trovati spaesati. Fatto sta che personalmente l’ho trovato spassosissimo nel suo modo di essere intelligente!

    1. Ti confesso che, prima di leggere questo libro, la Harris non rientrava tra gli autori che apprezzo. Di suo avevo letto solo Chocolat , che onestamente non mi era sembrata questa gran cosa, e non avevo idea che si dilettasse con più generi letterari. Non sapevo nemmeno del ciclo Runemarks , che non ho ancora letto, ma, da amante della mitologia norrena, quando ho saputo dell’uscita di The Gospel of Loki non ho saputo trattenermi!!

      La (s)fortuna di questo libro, secondo me, è che è stato pubblicato appena dopo i film Marvel con Tom Hiddleston (che in effetti è un Dio degli Inganni fantastico). C’erano un sacco di aspettative dettagliate, insomma, e poche persone veramente in grado di distinguere tra l’universo fumettistico Marvel e il personaggio mitologico vero e proprio.

      Concordo, il Loki della Harris è divertente, ironico, acuto, ma anche molto, molto di più: un caleidoscopio di emozioni che non sempre lui riesce a tenere sotto controllo.

      1. Io li ho letti tutti i suoi libri tranne La Donna Alata che non riesco mai a trovare. E sì, è davvero sorprendente come riesca ad essere così versatile! Ha scritto di talmente tanti generi che, quando mi chiedono qual è il mio libro preferito tra i suoi, non riesco mai a decidermi!
        Se ti è piaciuto questo, credo che apprezzerai anche gli altri due libri di Runemarks, specialmente il primo che è un gioiellino! E’ stata lei a farmi appassionare alla mitologia norrena! :3
        Esatto, come dici tu, sono pochi che riescono a capire la divisione tra fumetti e mitologia. Anche se a volte i limiti sono davvero sottili, soprattutto per quanto riguarda questo personaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...