30 giorni di libri – #8 Un libro che consiglieresti.

Mah, generalmente io consiglierei di leggere. Qualsiasi cosa, secondo i gusti di ognuno.

Ma dato che questa sarebbe l’ennesima risposta che non c’entra nulla con l’obiettivo di “30 giorni di libri”, vi consiglierò l’ultimo libro che ho letto.
“Un cavaliere e il suo re”, del mio amato, adorato Bernard Cornwell.
Il romanzo è il secondo del ciclo “Storie dei re sassoni”, di recente pubblicazione; quindi, fareste meglio a leggervi il primo libro della serie, prima di questo. ^^

Perchè dovreste spendere il vostro tempo leggendo il tomo di cui sopra?
Perchè Cornwell è un genio, anzi no, un mago. Con poche parole scarne, tra l’altro prive di qualsiasi intento poetico e di fronzoli, è in grado di immergerti in un’atmosfera incredibilmente realistica e nel contempo quasi surreale. I suoi personaggi sono ben delineati, a tutto tondo, e suscitano ogni genere di emozioni, tranne l’indifferenza. Sul serio, potrete odiarli o amarli, potrete simpatizzare con loro o augurarvi che muoiano tra atroci sofferenze, potrete sognarveli di notte, per vari motivi, ma non potrete mai, mai, restare indifferenti nei loro confronti.

Ancora non vi basta?
Ebbene, sappiate che quanto andrete a leggere ha un fondamento storico più che solido e che solo pochi personaggi sono inventati. Che non ci sono dialoghi o descrizioni piazzati a caso, per allungare il romanzo.

E che il signor Cornwell -se ancora non si era capito – è uno dei miei scrittori preferiti. ^^

4 pensieri riguardo “30 giorni di libri – #8 Un libro che consiglieresti.

  1. Ho appena scaricato “L’ultimo re” e spero di riuscire a leggerlo presto 🙂 Ho amato il romanzo di Excalibur e da questo nuovo ciclo non mi aspetto niente di meno 😀

  2. Vero, verissimo! La lettura è qualcosa di grandioso, un mondo enorme!
    L’ultimo libro che ho letto? Ultimamente ho pochissimo tempo e mi rilasso con i gialli di Agatha Christie (Dame Agatha, per me!). Ho appena letto “C’era una volta”: ambientato nell’Egitto dei faraoni, splendido come giallo e perfetta la ricostruzione storica. In fondo, si era sposata un archeologo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...