30 giorni di libri – #4 Il libro più brutto che tu abbia mai letto.

Domanda difficile!

Generalmente coi libri ci azzecco abbastanza: i volumetti -agili o meno ^^ – che mi scelgo io di solito mi piacciono. Magari non sono tutti nella biblioteca del mio cuore, insomma, ma mi divertono tutti, ecco.

…Quelli che mi regalano…
Ecco, quelli non sempre sono de bei libri. ^^

Il più recente fiasco in materia di libri regalato risale a metà dell’anno scorso, più o meno, quando mi hanno regalato i volumi del ciclo “The Vampire Diaries”, in lingua originale, naturalmente. Che non tutti sono in grado di regalarmi dei libri, ma tutti sanno che preferisco leggere le cose nella lingua in cui sono state scritte (su richiesta, riserverò un post a motivare la mia scelta: farlo qui sarebbe troppo lungo e rischierei di annoiare qualcuno ^^).

Torniamo alla saga vampiresca che ha dato recentemente vita a un telefilm, giunto nel mezzo della sua terza stagione, e che a me poi non dispiace… Ecco, i libri sono tutt’altra cosa.
I prime tre (o quattro, ho un paio di tomi che racchiudono due volumi ciascuno, mi sembra…non andrò a ricontrollare :P) sono anche abbastanza leggibili, se tralasciamo l’assoluta piattezza dei personaggi -tranne uno, siamo sinceri -, la prevedibilità della vicenda e l’odio profondo che si prova per i protagonisti. Poi però si cade veramente nell’Inferno letterario!
Non mi addentrerò sugli aspetti che più mi hanno fatto orrore, come ad esempio il linguaggio bambinesco, la trama inesistente e palesemente scritta a caso, il Grande Crimine fatto contro l’unico personaggio non piatto di cui sopra, etc., sappiate solo che a un certo punto non ce l’ho più fatta.
Ho dovuto abbandonare la lettura. (E generalmente io ho una certa resistenza, in fatto di libri!).

Ho sentito un paio di pettegolezzi su Lisa J. Smith, autrice di “The Vampire Diaries”, che la davano come totalmente asservita alla casa editrice, che era  -non si sa come -entrata in possesso dei diritti d’autore e che quindi la obbligava a sfornare sempre nuove avventure sui Vampirelli da lei creati… Tutto ciò potrebbe effettivamente spiegare la scarsa qualità dei suoi ultimi romanzi.

Non si dovrebbe mai scrivere per denaro.

7 pensieri riguardo “30 giorni di libri – #4 Il libro più brutto che tu abbia mai letto.

  1. Secondo me da tempo è uscita una serie assolutamente inutile di libri su questo argomento. Basta che ne esca uno di successo e subito arrivano centinaia di emuli.
    Per me la maestra del genere rimane sempre Anne Rice…

  2. Personalmente, e a dispetto delle lodi sperticate che gli si levano ancora oggi, ho trovato assolutamente indigesto American Psycho: lo splatter e il gore non mi spaventano, tuttavia in quel libro assumono una veste di provocazione del tutto fine a sé stessa, e in gran parte priva di senso…

  3. Io ho letto un libro che credevo parlasse di sette sataniche (tipo i bestioni di Satana) e non era altro che un fake pornografico (pesantemente pornografico, aggiungo!) con pippotto cristo-terapeutico finale…

  4. Ebbene sì. Con tanto di pubblicità occulta ma mica tanto alla comunità cristiana che ha accolt e curato la presunta ex satanista esorcizzandola e facendo di lei una quasi-Santa (per una che afferma di aver addirittura commesso degli omicidi non c’è male…), con incredibili, direi tonanti lodi alla fondatrice, alle due doti di bontà e carità, ecc. ecc.

    Fiera del mio ateismo scrollo le spalle e mi dispiaccio d’aver buttato soldi in un acquisto tanto poco azzeccato. Nondimeno, il mio gusto per il trash è sempre all’età….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...